BookCorner, Cristicchi e l’università della meraviglia

Filomena Armentano Home, News

Image

Il libro di Simone Cristicchi scritto con Massimo Orlandi per San Paolo Edizioni prende il titolo dalla sua canzone presentata a Sanremo nel 2019, “Abbi cura di me”. È un libro che racconta, emoziona, dibatte, provoca, e invita i lettori e i fan dell’autore di “Ti regalerò una rosa” a non dare nulla per scontato e a continuare a camminare: poiché «la vita è fragile» e siamo «in equilibrio sulla parola “insieme”». Ripropone la ricchezza di un percorso originale e di una carriera poliedrica di grande genialità artistica in vari ambiti dal disegno alla musica, dal teatro alla scrittura. Un cammino umano e spirituale alla ricerca dell’essenziale da condividere nel terribile e meraviglioso quotidiano della vita.

Sul titolo del Meeting 2020 “Privi di meraviglia, restiamo sordi al sublime”, Cristicchi dice: «Credo che per provare ad essere felici dobbiamo essere attenti …dobbiamo partire da uno stato di attenzione, uscire fuori da noi stessi, uscire dalla gabbia del nostro ego, dalle nostre convinzioni e volgerci all’esterno, se siamo attenti possiamo anche diventare curiosi. A me piace pensare a una nuova facoltà che dovremmo mettere nelle Università italiane, la facoltà della meraviglia, la facoltà di sapersi sorprendere e di capire che siamo e  viviamo in un mondo meraviglioso e che l’essere umano, nonostante le sue contraddizioni,  è una grandissima opera d’arte, è il capolavoro della creazione, senza la sorpresa, senza la meraviglia che cosa sarebbe il mondo?  Che cosa sarebbe l’essere umano?  Invece  abbiamo la possibilità di cambiare lo sguardo in un momento come questo dove abbiamo attraversato la solitudine la paura il terrore, il senso di impotenza, tornare ad innamorarsi del mondo».

Nel BookCorner20 puoi trovare il podcast di Simone Cristicchi e tutte le uscite già pubblicate.