Rubini Sergio

Sergio Rubini nasce a Grumo Appula (BA) il 21 dicembre 1959.
Nel 1978 si trasferisce a Roma per frequentare l’Accademia nazionale d’arte drammatica, che abbandona dopo solo due anni.
Suona il pianoforte ed è un grande appassionato di teatro.
Ufficialmente e cinematograficamente lanciato da uno dei più grandi maestri del cinema mondiale di tutti i tempi – Federico Fellini lo impone alla critica nell’ “Intervista” (1987).
Nel 1990 firma la sua prima opera come regista con “La Stazione” che gli fa ottenere il David di Donatello e il Nastro d’Argento come miglior regista esordiente.
Giuseppe Tornatore lo affiancherà, invece, a Roman Polanski e Gérard Depardieu ne “Una pura formalità” (1994).
Filmograficamente, nella sua carriera collabora con Giovanni Veronesi, Alessandro D’Alatri e con Fabrizio Bentivoglio.
Nel 2018 è protagonista de Il bene mio di Pippo Mezzapesa e del film di Giovanni Veronesi “Moschettieri del re”.
È docente di recitazione cinematografica presso l’Accademia nazionale d’arte drammatica

ultimo aggiornamento: agosto 2020  
EVENTI