Gulisano Paolo

Lo scrittore Paolo Gulisano è nato a Milano nel 1959 e vive a Lecco.
Laureato in Medicina e Chirurgia, all’attività di medico affianca da anni un impegno culturale di saggista e scrittore. Collabora con diverse testate di informazione, tra le quali Il Sussidiario, Il Timone, Radio Mater.
Cultore di Letteratura Fantasy, è considerato uno dei massimi esperti di Tolkien, e ha dedicato all’autore inglese e al suo mondo fantastico articoli, studi, traduzioni e diversi libri, tra cui il più famoso Tolkien il mito e la grazia.
Tra gli altri autori britannici di cui si è occupatoci nelle sue opere: C.S. Lewis, J.M. Barrie, G. Mac Donald, Oscar Wilde e soprattutto G.K. Chesterton. Ha fondato ed è Vicepresidente della Società Chestertoniana Italiana. Ha scritto la prima biografia italiana di Chesterton e libri sul suo circolo di amici: Belloc e padre MacNabb.
Ha pubblicato un romanzo, Il destino di Padre Brown, in cui riprende la figura del prete detective creata da Chesterton.
È inoltre studioso della cultura celtica ed anglosassone, ed ha pubblicato volumi sulla storia di paesi come la Scozia e l’Irlanda.
Interprete di una nuova forma di apologetica, ha curato la biografia di san Colombano, del Beato John Henry Newman, e una rilettura religiosa del mito di Moby Dick nel saggio Fino all’abisso. Per primo in Italia presentò- con il suo volume di esordio, Cristeros del 1996- l’epopea della Cristiada, la persecuzione dei cattolici messicani.
Ha inoltre all’attivo altre opere su aspetti poco noti della storia e della cultura europea.
Come medico, ha pubblicato due testi di storia della Medicina, uno sulle grandi epidemie e il secondo, L’arte del guarire, una storia della medicina attraverso i santi.
C’è un solo protagonista della letteratura italiana di cui Gulisano si è occupato, e per il quale ha un’autentica grande passione: Giovannino Guareschi. A lui ha dedicato il volume Quel cristiano di Guareschi, la mostra del Meeting del 2008 Non muoio neanche se mi ammazzano, e numerosi articoli e pubblicazioni che gli sono valsi nel 2011 il Premio Giornalistico G. Guareschi e nel 2013 il Premio Signora Cristina.

ultimo aggiornamento: agosto 2015  
EVENTI