SVILUPPO. ZAMAGNI: “STOP ALLA DECRESCITA FELICE”

Redazione Web Non categorizzato

Abbandonare l’idea della decrescita felice e sostituirla con quella di sviluppo sostenibile. Questa ha ricordato il professore Giorgio Vittadini introducendo il dibattito è la grande sfida del Meeting 2020.
 
Stefano Zamagni, presidente della Pontificia Accademia delle scienze sociali ha concordato.  “Sviluppo, sostenibilità e sussidiarietà sono i tre vertici di un triangolo magico, ma non sono parole nate oggi. La sussidiarietà, per esempio, nasce nel 1200 dalla scuola francescana. Poi era stata abbandonata anche per le responsabilità di una scienza economica che ha sancito l’equivalenza tra sviluppo e crescita. Ma questo è un errore gravissimo. Non si può prendere in giro la gente”. Sviluppo, ha spiegato l’economista vuol dire “togliere i viluppi, per cui ama lo sviluppo che ama la libertà. Se non si ama la libertà ci si limita a crescere come le piante e gli animali. Di questa idea la sussidiarietà è il cardine”.
 
(S.A.)