Il canto: fronte del popolo - Meeting di Rimini

Il canto: fronte del popolo

 

“S’io nun canto, moro” (Anonimo). “Sono le ballate, e non le leggi, a costruire una nazione” (A. Fletcher).
Che sia nelle strade e nei vicoli quotidiani, che sia sul campo di battaglia, il canto riecheggia, riaffermandole, l’identità e l’unità di scopo di un popolo; il canto accompagna l’azione di un popolo, lo conforta, con eguale forza, nella tradizione celtica, i bardi compongono ballate che descrivono e fissano nei cuori le valorose imprese di due popoli alla ricerca della libertà. La mostra prende in considerazione la tradizione canora: Celtica; la musica popolare irlandese e scozzese racconta la storia del popolo e lo fa attraverso le canzoni d’amore, lamenti per la libertà, ballate filastrocche canzoni da pub e canzoni del lavoro.

La mostra è composta da 19 pannelli 70×100 ve
La mostra è imballata in una cassa di legno 110x75x11

Data

19 Agosto 2001

Edizione

2001