Chagall monumentale - Meeting di Rimini

Chagall monumentale

 

‘Negli ultimi 25 anni della sua vita, Marc Chagall decide di non fare solo pitture ed opere da tavolo o da cavalletto ma, come è stato per grandi artisti del nostro tempo, anche arte monumentale. Forse più che di monumentale, si potrebbe parlare di arte necessariamente legata, inserita nel luogo per cui è stata realizzata: per Chagall questo sarà un luogo sacro, anche se di religioni o confessioni diverse: moschee, cappelle, sinagoghe, e quando il luogo non è apparentemente sacro, è un luogo di musica o un luogo in cui i popoli sono chiamati a comprendersi, come le Nazioni Unite. Per “Chagall monumentale” si intende tutto ciò che è arazzo e mosaico, ma anzitutto si intendono le vetrate. La realizzazione delle vetrate è nata dall’incontro tra Chagall ed un grande artista, il maestro vetraio Charles Marq; senza tale incontro il risultato sarebbe diverso, forse Chagall non si sarebbe appassionato a proseguire una strada tra le più difficili dell’arte. A Rimini, sotto la direzione di Sylvie Forestier, conservatrice del Museo Chagall di Nizza, con la diretta partecipazione di Charles Marq, si realizzerà una mostra che costituisce il primo esperimento nell’affronto dell’opera monumentale di Chagall sul piano museografico. Il percorso della mostra illustrerà i lavori preparatori e/o le riproduzioni di tutto ciò che Chagall ha fatto per realizzare le vetrate della Cappella des Cordeliers a Sorrebourg. Poi, dal percorso genetico delle opere, si entrerà in spazi analoghi a quelli in cui le vetrate sono poste e lì, tramite proiezioni, si potrà avere il senso dell’essere ‘dentro’ a un luogo di Chagall.’

Data

23 Agosto 1986

Edizione

1986