menu
menu
Iscrizione newsletter

LA TERRA PIÙ AMATA DA DIO. La custodia di Terra Santa

- Mostra Piazza A5
Mostra promossa da Custodia di Terra Santa e Fondazione Meeting per l’amicizia fra i popoli
Coordinamento generale di Fra Stéphane Milovitch, Sara Cibin e Marie Armelle Beaulieu
Con la collaborazione di ATS Pro Terra Sancta
Con il contributo scientifico di Studium Biblicum Franciscanum

Ottocento anni fa, nel 1217, a Santa Maria degli Angeli presso Assisi, durante la celebrazione del primo Capitolo Generale dei Frati Minori, San Francesco decise di mandare i suoi frati in tutte le nazioni. Il mondo fu, per così dire, diviso in Province. Per Francesco la perla di tutte le missioni è ovviamente la terra di Gesù, dove il grande amore di Dio si è fatto carne, ha vissuto, predicato, risanato e redento tutta la creazione.

Nel 1219 San Francesco si recò a Damietta al cospetto del sultano d’Egitto per portare le sue parole di pace, in mezzo ai sanguinosi scontri tra i Crociati e i Mamelucchi.
Da quell’incontro i frati di san Francesco poterono stabilirsi in Terra Santa e prendersi cura dei luoghi santi; nel 1333 ottennero grazie ai reali di Napoli il luogo del Cenacolo e il diritto a celebrare dentro il Santo Sepolcro. Era il primo germe della Custodia di Terra Santa, nome e missione affidata ai figli di Francesco da papa Clemente VI nel 1342, quando chiese loro di essere i custodi dei luoghi della vita terrena di Cristo in nome di tutta la cristianità.

I frati francescani hanno custodito, onorato con la preghiera e con lo studio i luoghi che Gesù ha abitato, conosciuto ed amato. In più si sono presi cura degli uomini di questa terra, pietre vive che testimoniano ancora la novità di Cristo in una terra spesso divisa dal conflitto.
La custodia dei Luoghi Santi è una missione concreta: significa curare le liturgie nei santuari, accogliere i pellegrini, sostenere le comunità cristiane locali con scuole e aiuti alle famiglie povere, studiare e conservare i segni materiali che questa terra offre a testimonianza di Cristo e della sua Chiesa.

La Custodia di Terra Santa nel tempo ha tenuto viva la memoria della storicità del cristianesimo che è inscritta in quei luoghi e i pellegrini provenienti da tutto il mondo possono toccare quei Luoghi che ancora oggi costituiscono la testimonianza insostituibile della rivelazione di Dio e del suo amore per l’uomo.

Nella prima parte del percorso ci sarà la proiezione del video immersivo multimediale sulla storia di Gerusalemme proveniente dal Museo dello Studium Biblicum Franciscanum con relativa ricostruzione dell’ambiente in cui quotidianamente viene proiettato.

La seconda parte della mostra prevede una gallery di foto e grandi immagini sulla bellezza e conservazione dei Luoghi e quindi la storia della Custodia.

Verrà presentato inoltre il progetto Terra Sancta Museum, unico Museo al mondo sulle radici del Cristianesimo e la conservazione dei Luoghi Santi.

Video