Anelli (Fnomceo): PREOCCUPAZIONE PER MINORI DISPONIBILITA’ ECONOMICHE A CURARSI

Redazione Web Non categorizzato

Filippo Anelli, presidente Fnomceo, si è soffermato ampiamente sui dati presentati da Medi Pragma. “Un calo delle visite mediche per mancanza di disponibilità economiche dal 5% del passato al 12% attuale avrà degli effetti nel prossimo futuro. In questo senso il Ministero della salute deve giocare un ruolo decisivo da garante per superare le diseguaglianze.

La telemedicina ha portato invece effetti positivi, come la dematerializzazione della ricetta medica. Con il Covid è sparita la carta, grazie a whatsapp o al fascicolo sanitario elettronico. I medici sono stati autorizzati a rinnovare in modo automatico i piani terapeutici.
Sempre in ambito di telemedicina, lo specialista potrebbe diventare il consulente del medico di medicina generale, soprattutto nelle cure domiciliari dei malati cronici.

Fa poi riflettere che il 35% degli italiani abbia paura di contrarre il Covid nelle strutture sanitarie. I cittadini devono sentirsi sicuri, perché sono stati attuati percorsi diversificati negli accessi e perché la sicurezza è un diritto dei cittadini e dei professionisti.
La crisi Covid ci deve poi far riflettere su una maggiore sburocratizzazione del sistema e su un potenziamento della medicina territoriale”. (fc)