La verità è il destino per il quale siamo stati fatti 

La verità è il destino per il quale siamo stati fatti


Domenica 19 agosto 2007 - Sabato 25 agosto 2007

Con il Patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Emilia-Romagna, Provincia di Rimini, Comune di Rimini

Con il contributo di: Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini

Tema

La verità è il destino per il quale siamo stati fatti

Domenica 19 agosto 2007 - Sabato 25 agosto 2007
Alcuni spunti sul tema del prossimo Meeting

La ricerca della verità è da sempre la sfida più impegnativa per l’uomo. L’uomo, infatti, per sua natura è portato a cercare la verità e in tale ricerca impegna tutta la forza della sua ragione.

Vi è però, soprattutto oggi, una sfiducia ultima circa la possibilità di conoscere la verità; il relativismo e lo scetticismo che minano la nostra civiltà ne sono una diretta conseguenza. Così la vita, privata di certezze, diviene opaca, apparentemente priva di senso e ultimamente esposta ad ogni possibile forma di violenza e sopraffazione.

La sfiducia nella possibilità di conoscere la verità coincide con l’intima sfiducia nell’esistenza stessa della verità; senza di essa, però, l’uomo viene privato della speranza di poter dare risposte certe ai grandi interrogativi della vita che rendono inquieto il suo cuore.

Il Santo Padre Benedetto XVI, durante un dialogo avvenuto con gli studenti dell’Università Lateranense afferma infatti: “Se si lascia cadere la domanda sulla verità e la concreta possibilità per ogni persona di poterla raggiungere, la vita finisce per essere ridotta ad un ventaglio di ipotesi, prive di riferimenti certi”.

Il titolo del prossimo Meeting propone con certezza che “La verità è il destino per il quale siamo stati fatti”, rilanciando la sfida contro quel pensiero debole che vorrebbe negare l’esigenza di un significato ultimo per cui l’uomo agisce, soffre, ama, pensa.

La nostra epoca è profondamente segnata da correnti di pensiero che, non riconoscendo più la realtà nella sua oggettività, come qualcosa che si pone davanti all’uomo e che l’uomo può riconoscere, pretendono che sia la ragione a dare consistenza alla realtà.

La sola alternativa è che la verità sia qualcosa o qualcuno che all'uomo può accadere di incontrare, qualcosa che succede: un avvenimento per l’appunto.

Approfondimenti:

Hanno partecipato tra gli altri:

Messaggi ricevuti: